Image Alt

L’oro del Monte Midia

Domenica 26 Luglio
30 Ottobre, 2019

L’oro del Monte Midia

Nelle vicinanze del Parco dei Monti Simbruini, un verde mare si estende a perdita d’occhio. I faggi, che compongono una delle faggete più grandi d’Europa, crescono rigogliosi, offrendo riparo e nutrimento alla fauna locale e circondando completamente il Monte Midia che si eleva, come fosse un periscopio di un sottomarino, dalla intricata vegetazione. La sua sommità è completamente sgombra, ed offre la possibilità di perdersi nei colori della natura. Durante il periodo autunnale il giallo e il rosso tingono quasi ogni cosa, mentre in primavera il Midia è il luogo ideale per la diffusione rigogliosa di molte specie floreali. Questo scenario è ulteriormente arricchito dalla vicinanza di alcune delle cime più importanti del parco: il Monte Autore, il Traino e Tarinello, nonché il Cotento e il Viglio si stagliano massicci sull’orizzonte.

Marsia

Piccola località turistica e frazione di Tagalicozzo, un tempo era un importante polo sciistico. Da qualche anno tuttavia gli impianti sono stati chiusi per obsolescenza. Attualmente il complesso versa in uno stato di quasi abbandono. 

Ancor prima di indossare gli scarponi, iniziamo a percepire una forte sensazione di pace e tranquillità, la stessa che si può avvertire subito dopo un forte temporale. Probabilmente questa percezione è legata alla storia della piccola Marsia: sviluppatasi negli anni Sessanta con il boom economico come località sciistica e turistica, oggi è ormai in stato di abbandono, condividendo il destino di altre località montane abruzzesi. Di quel passato restano solo alberghi, bar, villini mai finiti di costruire, stabilimenti sciistici, tutto fermo e chiuso da anni – e tuttavia sembra che il tempo non sia passato, che la seggiovia sia pronta a ripartire alla prossima stagione. Una testimonianza di un passato di intenso sfruttamento economico dell’area, che sta lasciando lentamente spazio al silenzio della natura e a un turismo di diverso tipo, sommesso.

Iniziamo il nostro percorso seguendo l’unico sentiero ben visibile, che passa sotto la seggiovia in attesa di essere smantellata. Ci inoltriamo sempre di più nella faggeta su un tappeto di morbide foglie, fino a fuoriuscire su un verdeggiante prato punteggiato da un unico solitario alberello. Da qui iniziano alcuni tratti di percorso fuoripista, che ci portano sempre di più all’interno del fitto bosco. Puntiamo verso l’alto per intercettare il poco visibile tracciato che ci condurrà alla croce di vetta del Monte Midia.

Monte Midia

Alto 1727 metri è situato nella parte abruzzese del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini. Dalla sua sommità è possibile godere di un bel panorama sulle principali vette dell’area protetta.

Arrivati in vetta ci fermiamo a riposare seduti sul soffice terreno totalmente sgombro di alberi o su qualche roccia calcarea. Recuperate le forze, riprendiamo a camminare seguendo l’orografia della cima fino ad arrivare al versante sud del Midia, punto più panoramico dell’intera escursione. Sotto di noi si apre la Valle della Dogana, con sullo sfondo una parte della catena degli Ernici.

Iniziamo la pendente discesa a valle, attraversando la verdeggiante pendice del Midia. Il tracciato è praticamente assente, si procede costeggiando il limitare del bosco, entrando ed uscendo dall’ombra dei faggi, fino ad arrivare a valle. Qui intercettiamo il largo e comodo sentiero sterrato che ci porta attraverso pascoli di mucche e cavalli ad aggirare il Monte Fao Rotondo per tornare al nostro punto di partenza.

Scheda escursione

icona per località di partenza escursione
Marsia (AQ)
5 ore
icona per escursione in zona boschiva
bosco
icona per escursione in media montagna
media quota
icona per escursione con vista panoramica
vista panoramica
fuoripista
icona per livello di difficoltà escursione
difficoltà: 4/10

DETTAGLI TRACCIATO

Giro ad anello con rientro al punto di partenza, sentieri assenti o poco visibili

  • 11 Km
  • 500 metri
  • 1737 metri

VALUTAZIONE DIFFICOLTA’

Percorso che non presenta particolari difficoltà tecniche, gran parte si svolge su sentieri poco segnati o su fuoripista, quindi su terreni non battuti, ma comunque agevoli nella progressione. Il fondo è principalmente di sottobosco, con radici e sassi. In fase di rientro si segnala una pendenza negativa marcata che richiede attenzione nella discesa. Il dislivello è ben distribuito.

Impegno fisico 0
Difficoltà tecnica 0

Prenotazione

Le escursioni sono a numero chiuso, per partecipare verifica le date disponibili sul calendario. Per conoscere le modalità di prenotazione e partecipazione alle escursioni clicca qui.

Domande

Se hai bisogno di ulteriori informazioni o hai domande riguardo il sistema di prenotazione contattaci, ti risponderemo al più presto tramite email.

Trasporti

Durante questa fase di contrasto alla diffusione del contagio, la condivisione auto è sconsigliata se non in compagnia di conviventi o familiari. Prima di prenotare assicurarsi di essere automunito. Per comunicazioni utilizza la chat di WhatsApp di questa escursione, CLICCA QUI.

Luglio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
293012345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112

Condividi

Mountains Are Calling,

Hai bisogno di aiuto?

Se hai dei dubbi in generale sull’attività escursionistica o il sistema di prenotazione, puoi consultare la pagina delle FAQ.
Per qualsiasi altro dubbio o informazione, scrivici adesso!




Oppure contattaci Facebook:

  • Registrati
Hai dimenticato la password? Inserisci il nome utente o la tua email. Ti invieremo un link per generare una nuova password.
Copy link
Powered by Social Snap